Case study: Centri commerciali

Un caso pratico: Realizzazione dell'impianto geotermico nella sede dell'azienda Cetra

Realizzazione dell'impianto geotermico nella sede dell'azienda Cetra

Cetra, azienda bolognese parte del Gruppo Galletti e specializzata nel trattamento dell'aria, ha inaugurato un nuovo stabilimento produttivo ad Altedo, con una superficie di 5000 metri quadri di cui oltre 4000 mq di superficie coperta.

Fiore all'occhiello del nuovo stabilimento è la centrale geotermica, interamente progettata e realizzata grazie alle sinergie e alle competenze interne al gruppo Galletti, partendo da analisi e simulazioni dinamiche per il dimensionamento del campo sonde, fino alla progettazione dell'impianto di climatizzazione.

La soluzione tecnica adattata

Per i fabbisogni termici dello stabilimento si è scelto di utilizzare un impianto geotermico con componenti interamente realizzati dalle aziende del Gruppo Galletti. Prima di arrivare alla scelta dell'impianto, però, è stato compiuto uno studio approfondito, mettendo a confronto costi/benefici delle diverse soluzioni possibili, partendo dal dimensionamento del campo sonde con simulazione dinamica (EED).

Fabbisogno energetico di riscaldamento annuale

67.4

MWh

Potenza di picco invernale

60.0

kW

Fabbisogno energetico di raffrescamento annuale

37.6

MWh

Potenza di picco estiva

60.0

kW

Energia Annuale per ACS

9.1

MWh

 
 

Le soluzioni proposte

Per arrivare alla soluzione finale sono state confrontate 4 possibili alternative: la prima con uno scambiatore ad espansione secca e acqua pura come fluido termovettore, che avrebbe richiesto circa 1800 m di sonde; la seconda con scambiatore ad espansione secca e acqua con glicole propilenico al 25%, che avrebbe richiesto 1100 metri di sonde; la terza con scambiatore allagato e acqua pura, avrebbe richiesto un totale di 1400 m di sonde; in fine la quarta soluzione possibile era un impianto più "classico" con caldaia a metano e gruppo frigo.

Soluzione

# 1

# 2

# 3

# 4

Tipo di scambiatore

Espasione secca

Espasione secca

Allagato

Caldaia a metano
+
Gruppo frigo

Fluido termovettore

Acqua pura

Acqua + glicode

Acqua pura

  1. Espansione Secca, acqua pura
    15 SGV
    120 m tubo a doppia "U" Ø32
    @ 7/4°C

    tot. 1800 m di sonde
  2. Espansione Secca, miscela acqua e glicole
    10 SGV
    110 m tubo a doppia "U" Ø32
    @ 0/-3°C

    tot. 1100 m di sonde
  3. Evaporatore allagato
    12 SGV
    120 m tubo a doppia "U" Ø32
    @ 4/1,5°C

    tot. 1440 m di sonde
 

Mettendo a confronto i costi di installazione del campo sonde per le tre diverse soluzioni con pompa di calore geotermica, la soluzione meno onerosa è risultata essere la seconda (espansione secca, acqua + glicole), con un costo di 68.000 euro.

Tenendo conto però dei costi annuali di esercizio, che dipendono dal fabbisogno richiesto dall'edificio per riscaldamento, raffrescamento, ACS (costante nei 4 casi) e dal rendimento delle macchine, la soluzione 3 consente un risparmio del 28% rispetto alla precedente.
I COP/EER delle pompe di calore variano infatti in funzione del numero di sonde installate e quindi della temperatura in ingresso alla pompa di calore lato sorgente.

I risultati ottenuti

Il payback della soluzione 3 è dato quindi in soli 5 anni, anche in virtù delle maggiori spese per la per la posa delle sonde, e di quelle per la sostituzione del glicole, è risultata quindi la più conveniente ed è quella adottata per la centrale termica dello stabilimento Cetra.

Galletti Group
  • Galletti
  • Hiref
  • Cetra
  • Eneren
  • Hidew
  • Tecnorefrigeration
  • GH Service